Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

PRATICA MENTE… frammenti

Costantino Di Renzo

a cura di Enzo De Leonibus

dal 14 dicembre 2019 al 2 febbraio 2020
vernissage: Sabato 14 dicembre – ore 19:00

Costantino Di Renzo guarda, nella sua formazione, l’arte del passato ed una maggiore attenzione la dedica alla pittura di Vermeer.
L’artista, da una prima adesione alla pittura iperrealista (1974), spazia nella scultura e nella scenografia per poi tornare a pieno titolo verso la pittura ipermanierista e citazionista che gli permette di accostarsi alla mitologia, rielaborandone visioni e nuove storie, una sorta di nuova mitologia da ventesimo secolo.
Subentra anche la necessità della scrittura e, forse, anche quest’ultima spinge Di Renzo a guardare l’attualità e le storie cambiano: diventano quotidiane e ci investono. La sua pittura scava nei meandri nascosti della mente, nelle bassezze umane, nella follia, nella perversione e nelle debolezze della società attuale. “Piccole” storie in chiave metafisica e surreale, riproposte con una vena di profonda ironia ed un pizzico di cinismo.
PRATICAMENTE… frammenti è la mostra che seleziona le opere che hanno questa cifra visiva e narrativa.

“FOGLIO IN STATO DEPRESSIVO

Accartocciai il bianco foglio che avevo di fronte, appena solcato da una sinuosa linea nera, e lo gettai nel fuoco. Lo guardai annerirsi lentamente, poi la fiamma lo avvolse, illuminando per un attimo la stanza di una luce primordiale, che proiettava inquiete ombre danzanti sulle pareti bianche, tappezzate di ricordi della mia vita. La mia vita… Cosa aveva di così diverso la mia vita da quelle degli altri uomini? Non molto in effetti. La mia superbia mi spingeva spesso a credere di essere uno dei pochi esseri pensanti, che calcano questa terra. La mia superbia era vana, così come la primordiale luce che andava scemando. Del mio foglio non rimaneva che cenere. Cenere… Anche di me non sarebbe rimasto che quella… Ecco perchè continuavo a far correre la mia matita, per inseguire su ogni foglio disegnato l’immortalità, quell’immortalità che solo pochi, prima di me, avevano raggiunto. Quella magra consolazione ad una vita che è piattezza e noia, come un vasto mare di silenzio a volte, solcato da brevi onde gioiose e intense depressioni tra di esse… Un mare di vuoto… Come quel foglio bianco che osservo disperato… Avrei dato tutto me stesso per riempirlo, per inventare, per esprimere ciò che avevo dentro… Ma la matita rimaneva distesa sul tavolo, e il foglio immacolato, riluceva della vicina luce del fuoco, quasi a sfidarlo. Quel senso d’impotenza lasciò spazio a vuota rassegnazione, al gelo di un passato troppo grande per me. Pura follia. E’ terrificante vedere che, tutto ciò che dipingo, tutti quei segni che riempiono i miei fogli una volta candidi, tutti quei colori sulle tele; sono pensieri già espressi, strade già battute e che, il mio desiderio di essere diverso, si schianta ogni volta contro il muro del passato… E non mi resta che dipingere, della mia incapacità di dipingere…. Sempre che qualcuno non l’abbia già fatto”. *

* Costantino Di Renzo

Orari di apertura:
La mostra sarà visitabile dal 19 dicembre con i seguenti orari:
da giovedì a sabato 17:30 – 19:30
domenica 11:00 – 13:00

Ufficio stampa:
info@museolaboratorio.org
Info e appuntamenti:
+39 085 960555
+39 333 1049439

Scrivi un commento